BARONI, L’ALTRA PARTE DEL CRINALE E LA SPERANZA. ATTENTI AL TORO FORMATO ESTERNO

 In MAGAZINE - IL PUNTO

Dodici finali da giocare con il coltello tra i denti ma soprattutto con la testa sulle spalle. ‘Garra’, ‘corazon’ e ‘cabeza’, a proposito di Toro da ‘matare’. Artigli, cuore e testa. Senza lasciarsi rimpianti alle spalle ma nemmeno giocare quelle 12 finali come se non ci fosse domani. Il campionato dei tre punti lascia infatti sempre finestre aperte. Che si restringono man mano che il tempo passa, ma se sei bravo allora riesci anche ad infilarti all’ultimo momento nello spazio che rimane. Quando tutto sembra perduto. Per il Frosinone è però terminata la politica dei piccoli passi. Lo ha fatto intendere benissimo mister Baroni già in sede di presentazione della partita del ‘Ferraris’ con il Genoa e nelle parole del post-partita. L’atteggiamento della squadra scesa in campo per vincere non è rimasto solo nelle parole della vigilia anche se poi i tre punti non sono arrivati. I 95’ in casa dei grifoni non hanno bisogno di ulteriori commenti. Sono stati ‘vivisezionati’, gli elogi si sono sprecati per (quasi, come è giusto che sia) tutti.

IL CORAGGIO DI GIOCARE, PERCHE’ OGGI SI’ – Anche per quei giocatori che fino a due giornate prima molti tra gli addetti ai lavori chiedevano perché mai giocassero. Senza provare a fare la riflessione più importante in questi casi: la condizione psico-fisica migliorata. Il Frosinone se oggi riesce ad imporre il proprio gioco anche al cospetto di avversari blasonati o quantomeno tecnicamente maggiormente strutturati, se porta durante la partita uomini nella metà campo avversaria con notevole continuità, se guarda la porta con entrambi gli occhi e non è più costretto a… sentirla alle spalle, se si cerca in campo secondo una logica tattica, se mostra il famoso ‘coraggio’ nelle giocate, tutto questo lo deve in primo luogo alla consapevolezza nei propri mezzi (che sono di una squadra che deve ramazzare di brutto sul campo) e poi ad una condizione psico-fisica che non ha nulla da invidiare ad una squadra di metà classifica. Bravo Baroni, bravo il suo staff, bravi i calciatori a capire che non c’era altra scelta. Bravi a capire che dall’altra parte del crinale c’era la speranza. Ben sapendo però che per i miracoli debbono… attrezzarsi. Ma vale per tutta la specie umana, non solo per loro.

TORO TEMIBILE LONTANO DA CASA – Il Torino – prossimo avversario – squadra strana ma quadrata. Arriva col vento in poppa dopo aver fatto dannare Mazzarri a lungo ma – restando all’ultima uscita – è più il risultato a confortare piuttosto che il gioco. Il Chievo domenica ha perso l’ultimo match point della propria stagione in quella frazione di secondo in cui Djordjevic ha sbagliato due volte di fila un gol fatto sullo 0-0 a 1’ dal record di  Sirigu. Ma i granata adesso sentono l’Europa a portata di mano. Hanno la miglior difesa tra i 5 più quotati campionati europei, hanno il portiere che ha battuto il record di imbattibilità del grande Castellini, hanno ritrovato il bomber perduto (Belotti). E vantano anche un altro record: 5 vittorie di fila in casa in campionato, non accadeva da 35 anni. Ad interrompere la serie che avrebbe potuto allungarsi alla vittoria sul Genoa, il ko casalingo nel derby. Ma c’è di più: il Torino in 13 trasferte ha perso 1 sola volta, ha pareggiato 1o volte ed ha vinto sul campo di Chievo e Samp nel girone di andata. Per un Frosinone che deve vincere, il cliente peggiore.

TANTA FURBIZIA, MENO PLATEALITA’ – Come affrontare una squadra così carica? Con altrettanta carica e… un pezzetto in più. Carica positiva, però, tralasciando i gesti inutili. Il Frosinone nella speciale classifica oggi è a 70 cartellini gialli, 1 rosso e una doppia ammonizione. Con 367 falli fatti. A pari punti col Sassuolo e poco più sopra di Fiorentina e Spal. Il Torino, per fare un raffronto, è una squadra che va giù duro: 423 falli. Ma ha subìto appena 55 ammonizioni. Bisogna essere più furbi, meno plateali. La differenza in Serie A è anche questa. Oltre ad usare a giuste dosi ‘garra’, ‘corazon’ e cabeza.

Giovanni Lanzi

Articoli Recenti