FrosinoneCalcio
Sito ufficiale

IL FROSINONE PERDE 1-0 A CAGLIARI, AGGRAPPATI SOLO ALLA MATEMATICA

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Srna, Klavan (16’ st Romagna), Ceppitelli, Lykogiannis; Faragò, Cigarini, Ionita; Birsa (27’ st Padoin); Joao Pedro (39’ st Deiola), Pavoletti.

A disposizione: Rafael, Aresti, Bradaric, Cerri, Olkiva, Leverbe, Despodov, Thereau.

Allenatore: Maran.

FROSINONE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Zampano (16’ st Pinamonti), Paganini, Maiello, Valzania (35’ st Trotta), Beghetto; Ciano, Ciofani (30’ st Dionisi).

A disposizione: Bardi, Ghiglione, Molinaro, Simic, Gori, Sammarco, Brighenti, Krajnc.

Allenatore: Baroni.

Arbitro: Sig. Rosario Abisso della sezione di Palermo; assistenti sigg. Matteo Passeri di Gubbio e Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore (Salerno); Quarto uomo sig. Marco Serra di Torino; al VAR sig. Marco Piccinini di Forlì; AVAR sig. Giacomo Paganessi di Bergamo.

Marcatore: 26’ pt Joao Pedro.

Note: spettatori paganti: 5.525 per un incasso di euro 85.000; abbonati: 10.570; angoli: 6-5; ammoniti: 12’ st Faragò, 36’ st Joao Pedro, 47’ st Ciano; espulso: 35’ st Faragò. recuperi: 5’ st.

CAGLIARI –  Doveva vincere, ha perso. La sintesi di questa trasferta di Cagliari è questa: nuda e cruda. Il Frosinone sfiora due volte il vantaggio nei primi 20’, poi il rigore di Joao Pedro è una sentenza. E ai giallazzurri, nonostante i ribaltoni nell’assetto in corsa prodotti nei 70’ successivi, non resta che l’amaro in bocca per una retrocessione ormai palpabile anche se ancora non matematica. Il Cagliari per effetto di questa vittoria tocca la salvezza con mano.

IN CAMPO – Out nelle fila del Cagliari gli squalificati Barella, Pellegrini e Pisacane, oltre agli infortunati Castro e Cacciatore. Davanti a Cragno i centrali sono Ceppitelli e Klavan, Srna a sinistra e Lykogiannkis a destra chiudono la cerniera arretrata. In mezzo al campo Faragò interno di destra, Ionita omologo sul centrosinistra, Cigarini in mezzo. Birsa è il vice Barella alle spalle di Pavoletti e Joao Pedro.

Nel Frosinone non ci sono Viviani, Cassata e Salamon per infortuni vari. Baroni si affida al 3-5-2. Quindi Sportiello tra i pali, Ariaudo al centro del pacchetto completato da Goldaniga sul centrodestra e l’ex Capuano sul centrosinistra. Cursori di fascia Beghetto e Zampano che rientra tra gli effettivi dal 1’. Quindi Paganini intermedio di destra come già ad Empoli, Maiello metronomo, Valzania intermedio di sinistra e Beghetto sull’out mancino. Infine Ciano con licenza di svariare a pendolo sul fronte offensivo e Ciofani punta centrale. Baroni rispetto a quanto annunciato alla vigilia rinuncia quindi ad un attaccante di ruolo per un quid maggiore di qualità in zona offensiva. Curiosità: Maiello e Ciano insieme dal 1’.

PRESSIONE CAGLIARI, OCCASIONE PAGANINI – Nemmeno il tempo di partire e pericolo per la difesa giallazzurra che dopo 25” si rifugia in angolo grazie all’intervento provvidenziale di Ariaudo su pressione di Joao Pedro sfuggito a Capuano. Partita subito maschia, Ciofani in rotta di collisione con Ceppitelli rimedia la peggio ma la posizione dell’attaccante giallazzurro era irregolare. E’ la squadra di Maran che detta lo spartito in questo avvio, ai giallazzurri non riesce di uscire dalla pressione rossublu. Al 6’, al promo vero tentativo nell’area del Cagliari, il Frosinone sbaglia clamorosamente il vantaggio da posizione favorevolissima: Beghetto crossa dalla trequarti, Ciano allunga di testa, Paganini a 7 metri dalla porta con la prospettiva ampia svirgola di destro e la sfera si impenna sulla traversa. Il Cagliari riprende a tessere la tela con una ragnatela di passaggi che partono già dalla propria metà campo, nel Frosinone qualche difficoltà per Ciano sovente schiacciato nella morsa di due rossoblu che ne limitano raggio di azione e idee e per Valzania che sbaglia due interessanti uscite nel giro di 5’. Al quarto d’ora esatto Lykogiannis troppo libero di crossare da sinistra indovina invece un tiro, Sportiello attento a deviare in angolo un pallone maligno. La partita non brilla ma l’unica emozione è nell’occasione da rete sfumata sul destro di Paganini al 6’.

CIOFANI ALZA LA MIRA, VANTAGGIO CAGLIARI SU RIGORE – Paganini spariglia le carte al 20’, taglia il campo da destra a sinistra e subisce un fallo netto da Srna in ripiegamento ma per Abisso è tutto regolare. Sulla prosecuzione dell’azione, interessante calcio piazzato di Ciano, arriva Goldaniga dalle retrovie e palla di poco alta ma c’è una posizione di offside sulla partenza del pallone.  Il Cagliari gioca e il Frosinone spreca male: palla dalle retrovie, Ciofani si infila bene alle spalle della difesa rossoblu, destro sul primo rimbalzo e sfera che esce di poco sopra la traversa. Secondo gol fallito e il Cagliari allora si sveglia e conquista un rigore netto per un fallo di Zampano che arriva in maniera scomposta su Ionita, intelligente ad infilarsi centralmente su una respinta della difesa: dal dischetto Joao Pedro che spiazza nettamente Sportiello. Cagliari in vantaggio, Frosinone recrimina per le occasione sprecate e per l’ingenuità sul penalty. La risposta del Frosinone è in un tentativo di Ciano spostato sulla destra del fronte offensivo nell’area sarda, contrato in angolo. Nel Frosinone che appare troppo monocorde nel movimento della palla, Paganini a tuttocampo è tra le poche note positive della prima mezz’ora al pari di un Ciofani come sempre gladiatorio. Ed è proprio Ciofani che al 39’ si vede rimpallato un tiro all’altezza dell’area piccola dopo un bel cross da destra di Paganini e la rapida chiusura al centro di Beghetto. Il tempo si chiude senza ulteriori scossoni mentre la Spal vince ad Empoli, l’Udinese perdere in casa e il Bologna pareggia con la Samp. Ma il Frosinone deve solo vincere.

POSSESSO FROSINONE, SPORTELLO EVITA IL RADDOPPIO – Il Frosinone parte a testa bassa e si insedia nella metà campo rossoblu. Ma è un fuoco di paglia perché è il Cagliari che accarezza il 2-0, pallone che Pavoletti contende in elevazione a Beghetto, botta di destro e Sportiello para in due tempi un pallone angolato ma di non eccessive pretese. Lo scatto della squadra di Baroni non arriva. Ed è sempre il Cagliari a tenere palla anche se non affonda mai la lama. I rossoblu in quest’avvio di ripresa si fanno notare anche sulle fasce, al 6’ cross di Srna da destra, Faragò di testa e parata comoda di Sportiello in presa alta. Match cloroformizzato, ai giallazzurri mancano intensità e cambio di passo necessari a capovolgere la chimica della gara. Si male Klavan, al 16’ dentro Romagna per il Cagliari. Baroni prova mettere peso specifico in attacco: dentro Pinamonti per Zampano, Ciano scala in rifinitura alle spalle delle due punte. Al 20’ con Capuano a terra sulla trequarti per una botta alla testa, Abisso fa proseguire l’azione e solo quando la palla esce interrompe il gioco. Due angolo di fila di Ciano, il Frossul primo si salva la difesa sarda, sul secondo l’appoggio a Maiello vanifica l’azione. E il Frosinone resta ancora lontano dal tentativo di rimonta in questi 25’ che portano in dote solo uno sterile possesso palla. Al 25’ esatto Pinamonti crolla in area, controllo del Var ma è tutto regolare. L’azione era proseguita con la finalizzazione di Ciano e la parata comoda di Cragno. Sul capovolgimento di fronte, gran colpo di testa di Pavoletti che prende il tempo ad Ariaudo ma Sportiello evita il raddoppio con una grande parata da due passi. Il Frosinone si scopre dalla parte destra, Joao Pedro si infila nello spazio in area, bravo Sportiello ad arpionarla a terra. Ciofani in mezza rovesciata cerca il gran colpo, palla fuori. Alla mezz’ora però Baroni lo avvicenda con Dionisi.

TUTTI DENTRO MA INVANO – Adesso il Frosinone sente che deve alzare il ritmo delle giocate. Cagliari un po’ sulle gambe. Fallaccio di Faragò su Beghetto, rosso per l’attaccante. Cagliari, Baroni prova la msssa della disperazione: dentro Trotta per Valzania, Frosinone con 4 attaccanti di ruolo. Ammonito Joao Pedro, Frosinone catapultato nell’area sarda. Punizione di Ciano, Cragno si salva in angolo. Qualche problema per Cragno che in uscita lamenta un fallo di Paganini, poi nella mischia di infila anche Pinamonti e la sfida diventa anche spigolosa. Ne fa le spese Ciano, ammonito. Diffidato, salterà il Napoli. E’ l’ultimo atto di una partita che per il Frosinone vale come una sentenza.

Giovanni Lanzi

Riproduzione riservata. Copyright Frosinone Calcio © 2019

Share Now

Articoli correlati