LA CONFERENZA STAMPA DI MISTER GROSSO POST FROSINONE-REGGIANA

 In Breaking News, Prima squadra

FROSINONE – La parola ‘fiducia’ è il denominatore comune della prima conferenza stampa post-partita di mister Grosso dopo iil pari con la Reggiana.

C’è sicuramente molto da lavorare, in quale direzione secondo lei?

“La direzione è quella che abbiamo intrapreso, dobbiamo sempre ricordare che le partite in B sono tutte difficili. A volte oggi siamo stati bravi, in altre situazioni abbiamo commesso degli errori. Sappiamo che vogliamo migliorare e vincere più partite possibile, ci abbiamo provato anche rischiando qualcosina però penso che siamo stati intelligenti e attenti a rimanere in partita per tutta la gara. Portiamo in dote un punto anche se avremmo voluto prenderne ma non è stato possibile”.

Come ha trovato i giocatori sotto il punto di vista fisico?

“La squadra sta bene, ovviamente viene da un periodo difficile ed a tratti si è visto. Dobbiamo ritrovare quella fiducia che ci permette di giocare le partite da protagonisti. Sono convinto che ci sono le qualità tecniche, fisiche e mentali per disputare un buon finale di stagione”.

E’ soddisfatto di quanto visto oggi con la Reggiana, cosa si aspettava?

“Sono soddisfatto della prova dei ragazzi, hanno dato tutto sul campo dall’inizio alla fine. Secondo me abbiamo dei margini di miglioramento che proveremo a colmare con il lavoro sul campo”.

Alla luce del problema del gol della squadra, perché ha scelto in partenza Iemmello al posto di Novakoivc visto che l’americano da solo ha realizzato il 25% dei gol del Frosinone?

“A me i ragazzi di questo gruppo piacciono tutti per le qualità che sanno esprimere. Novakovich negli ultimi due giorni ha avuto un problemino fisico, ha fatto delle visite e si è staccato dal resto del gruppo. Per questo ho preferito impiegarlo in corsa ed è stato comunque bravo in tutte le zone del campo. Magari dovevamo essere più bravi nelle verticalizzazioni, proveremo a fare meglio nelle prossime gare”.

Brighenti in panchina è stata una scelta tecnica?

“Anche lui la scorsa settimana ha avuto dei problemi. Lo ripeto: siamo una squadra con tanti giocatori bravi, sono convinto che saranno tutti utili alla nostra causa fino alla fine. A me piace sempre tenere tutti sulla corda, poi in campo debbono andare per forza di cose 10 giocatori di movimento più il portiere, con 5 che entrano in corsa. E di volta in volta tenteremo di sfruttare le tante risorse che abbiamo”.

Il cambio di modulo e diversi giocatori fuori ruolo hanno fatto vedere una squadra in regresso dal punto di vista del gioco rispetto al passato. E d’accordo e come pensa di ovviare?

“Per me il modulo non è importante. Anche oggi con gli stessi interpreti si sarebbe potuto uscire più da un lato, quello destro, lasciando Curado, D’Elia e Ariaudo dietro. A volte abbiamo anche provato a farlo ma per me non è determinante il numero che esprime un modulo ma la voglia che mettono in campo i ragazzi come hanno fatto oggi per ottenere il risultato”.

Al di là del problema gol quali sono gli altri aspetti che la preoccupano di più in vista delle prossime sfide.

“In questo momento voglio essere fiducioso. Sappiamo delle difficoltà del campionato, subito abbiamo un’altra gara impegnativa ma come ho già detto abbiamo una rosa di giocatori bravi che cercheremo di sfruttare nel modo migliore per uscire da questa situazione che vogliamo cambiare a tutti i costi”.

I tanti passaggi elementari sbagliati che si sono visti oggi secondo lei sono sinonimo di poca lucidità mentale e paura di perdere?

“A tratti ho visto anche un certo coraggio nell’andare a cercare un avversario al quale piaceva giocare il pallone da dietro. Abbiamo messo tante energie sul campo, ci sono stati anche degli errori tecnici abbastanza banali che hanno permesso agli avversari di ripartire e farci sprecare delle energie ma credo che con la maggiore fiducia e qualche risultato che mi auguro possa arrivare, saremo in grado di giocare gare migliori sotto il profilo tecnico”.

Dopo il pareggio cosa si aspetta dalla trasferta di Salerno?

“Mi aspetto sempre una squadra che dia tutto quello che ha, come ha fatto oggi. E cercare di vincere. Sappiamo che ci sono le qualità per fare bene, dobbiamo quindi migliorare quelle cose che non ci sono riuscite nel migliore dei modi. Cavalcando quelle qualità che oggi ci hanno fatto andare vicino alla vittoria”.

Giovanni Lanzi

Articoli Recenti