FrosinoneCalcio
Sito ufficiale

MOLINARO: “ORGOGLIOSO DELLA SCELTA, TROVO UN GRAN GRUPPO. PER LA SALVEZZA IMPORTANTE LO SPOGLIATOIO”

Ha iniziato a correre e sudare sul campo della Città dello Sport. Come un bambino al primo giorno di scuola. Le 35 primavere sulle spalle sono un semplice dettaglio per un professionista eccellente come lui, la voglia di esserci e di recitare un ruolo importante in questa serie A con il Frosinone è ancora tanta. E le prime parole di Cristian Molinaro sono per il Media Center del club giallazzurro.

«E’ stato un periodo un po’ particolare per me – esordisce l’ex granata – ho avuto diverse possibilità però quando ho visto il progetto del Frosinone, le parole e le intenzioni dei direttori, del Presidente, del mister di fare qualcosa di importante non ho avuto dubbi nella scelta di vestire questa maglia. Quindi mi ritengo orgoglioso di quanto ho fatto e pronto a dare il massimo per questa casacca».

Molinaro non è certamente a digiuno di spogliatoiin giro per l’Italia ed anche oltre confine e tantomeno di conoscenze nel mondo del calcio: «Qualche ragazzo già lo conoscevo ma soprattutto ho visto un ambiente familiare ed è la cosa più importante perché nel calcio quando si inizia questo genere di avventure il gruppo deve essere più compatto possibile. E questo è già un bel segnale da poter dare per affrontare la massima categoria. Ed è ulteriormente stimolante per me e per tutti i ragazzi perché questa serie Avogliamo mantenerla. L’inizio, l’impatto per me, lo ripeto, stato molto positivo».

«E’ normale che il lavoro sul campo è quello che paga – prosegue Molinaro -. Il campionato di A è molto difficile e delicato. E’ fondamentale stare sul pezzo durante la settimana per essere  pronti la domenica, però indubbiamente quello che fa la differenza è l’essere squadra dentro lo spogliatoio e poi cercare di esserlo quanto più possibile in campo. Questa è la chiave. Poi abbiamo uno stadio importante, un pubblico caldo e passionale e sarà una ulteriore carica per noi per affrontare le partite al meglio».

Giovanni Lanzi

Share Now

Articoli correlati