PRIMAVERA2, IL FROSINONE A PISA: CALA IL SIPARIO SU UNA STAGIONE POSITIVA

 In Breaking News, Settore Giovanile

Ultima stagionale per il campionato Primavera2, con il Frosinone che rende visita al Pisa (ore 11 al Comunale Pagni di Peccioli), gara slittata di due settimane a causa dello stop forzato al quale sono stati costretti i ragazzi allenato da Marsella. Si chiude una stagione che, conti alla mano e al netto dei problemi di carattere generale (stop-and-go continui del torneo per il Covid che ha falcidiato in corsa un po’ tutte le formazioni) e quelli più prettamente interni alla compagine canarina (gli infortuni), passa agli annali come positiva. Il Frosinone senza la riforma in corsa dei campionati avrebbe centrato la extra-season, un palcoscenico negato anche lo scorso campionato dallo stop imposto dai primi sussulti della pandemia.

Si chiude una stagione che ha visto anche la valorizzazione di alcuni elementi che potranno rappresentare in prospettiva un valore per il club: il riferimento va a Vitalucci (2001), allo stesso Luciani (2002) che ha ritrovato a suon di gol gli spazi che gli erano stati preclusi dai postumi di un intervento al ginocchio ma anche elementi come Maestrelli (2003), Nigro (2002), Vecchi (2002), Bruno (2003) e il portiere Palmisani (2004). Un’attenzione anche per il ‘bomber di scorta’ Jirillo che ha saputo ritagliarsi momenti interessanti.

Tornando alla gara, Marsella dopo l’allenamento di questa mattina ha convocato 19 giocatori. Il gruppo è partito subito dopo il pranzo alla volta di Pisa. All’ultimo momento defezione per Maestrelli e per Bracaglia che sono andati ad aggiungersi a Vitalucci (capocannoniere del girone B con 14 reti), Jirillo, Pacetti, Morelli, Trovato, Vilardi e Nigro. C’è Vecchi ma per onor di forma. I neroazzurri sono a 18 punti, nella gara di andata vennero battuti 1-0 grazie ad un eurogol di Vitaluccci da circa 50 metri con il Frosinone in 10 uomini. I giallazzurri sono a 29 punti, quinto posto già in cassaforte dopo il pari scoppiettante in casa con il Cosenza di sabato scorso.

Giovanni Lanzi

Articoli Recenti