FROSINONE-ALATRI 13-0

 In Banner Post, Banner Slider

FROSINONE I TEMPO (4-3-3): Turati (15’ st Vettorel); Oyono (15’ st Maestrelli, al 30’ st Selvini), Kalaj (1’ st Szyminski), Lucioni (15’ st Monterisi), Cotali (15’ st Bracaglia, 30’ st Satariano); Rohden (15’ st Tribuzzi), Boloca (15’ st Cangianiello), Kujabi (1’ st Lulic); Ciano (15’ st Ciervo), Moro (1’ st Parzyszek), Canotto (15’ st Manzari).

Allenatore: Grosso.

ALATRI: Marcianò (1’ st Palmisani); Piscitelli, Giacomini, Mattei, Mazzone, Restate, Sanogo, Sembene, Battisti, Fontana, Gabrieli.

A disposizione: Frasca, Bracaglia, Ahmed, Coppola, Cianfrocca, Ripici, Pazienza, La Resta.

Allenatore: Strambi.

Arbitro: Signor Di Camillo di Frosinone; assistenti sigg. Reali e Gemma.

Marcatori: 7’ e 18’ pt Moro, 13’ e 34’ pt Ciano (rig), 30’ pt Boloca, 31’ pt Kujabi, 36’ pt Rohden, 1’ e 31’ st Parzyszek, 6’ st Lulic, 21’ e 37’ st (rig) Tribuzzi, 34’ st Ciervo.

Note: spettatori: 300 circa; angoli: 11-0 per il Frosinone.

FIUGGI (FR) – Si chiude con un’altra goleada, 13-0 per il Frosinone, la seconda gara amichevole giocata dalla squadra di Grosso al Capo I Prati contro l’Alatri. Quattro le doppiette, firmate da Ciano, Moro, Parzyszek e Tribuzzi. Il tecnico giallazzurro ruota i 26 giocatori a disposizione, spazio anche per i portieri Marcianò e Palmisani schierati nelle file dell’Alatri, entrambi autori di una bella prestazione. Per Grosso, dopo due settimane di lavoro, ancora interessanti indicazioni in tutti i reparti.

IN CAMPO – Grosso schiera la stessa formazione che ha esordito con la Rappresentativa di Fiuggi, con la sola variazione di Canotto al posto di Manzari. Tra i pali Turati, da destra a sinistra Oyono, Kalaj, Lucioni e Cotali. In mezzo al campo il play è Boloca, intermedi Kujabi e Rohden. In attacco, da destra a sinistra Ciano, Moro e Canotto. Ancora a parte Garritano e Gori oltre ad Haoudi che aveva lamentato un problemino nel finale di gara con il Fiuggi. Rientrano tra i ranghi Lulic e Szyminski che siedono in panchina.  Di fronte ai giallazzurri l’Alatri di Prima Categoria allenata da mister Strambi. Tra i pali dei verderosa il terzo portiere canarino Marcianò.

PRIMO TEMPO – Prima azione pericolosa del Frosinone al 3’, il pallone sfila con Ciano che non riesce a chiudere il tap-in. Quindi due angoli di fila battuti da Ciano, sul secondo c’è lo stacco imperioso di Moro, pallone che si perde alto sulla traversa. Frosinone avanti al 5’ ma sul tap-in di Kalaj c’è il fuorigioco del centrale ex Lazio dopo il tiro di Oyono sulla respinta di Marcianò. Al 6’ Ciano alza la testa e pennella per Kujabi, pallone leggermente alto per l’ex della Torres. Al 7’ il Frosinone passa, Rohden incrocia in area e chiama alla respinta Marcianò, Moro a porta vuota insacca. !’ dopo ancora difesa verderosa saltata, Moro si materializza davanti a Marcianò che in uscita bassa respinge con i piedi e 1’ dopo ancora blocca a terra un tiro di Ciano. Bella trama del Frosinone a sinistra tra Canotto e Cotali, pallone per Ciano che di sinistro al volo chiama alla respinta in angolo Marcianò. All’11’ Oyono detta e confeziona sul passaggio di ritorno di Ciano ma il lungo linea è preda facile di Marcianò. Al 13’ episodio dubbio in area dell’Alatri, Fontana tocca con il braccio sul tentativo di Oyono, per l’arbitro Di Camillo è rigore che Ciano realizza per il 2-0. Ed è ancora Ciano al 14’ che stavolta non chiude a rete un tocco sottomisura sul passaggio morbido di Cotali. Colpo di genio di Ciano al 16’, sinistro a giro di prima intenzione da posizione davvero complicata, pallone che sfiora il palo opposto all’angolo di tiro. Terzo gol che arriva al 18’, Oyono si fa trovare nella posizione giusta sull’out di destra, assist perentorio per Moro che con un gran colpo di testa in fila sotto la traversa il 3-0. Ci prova, in cerca di gloria, Canotto da sinistra, pallone che sfila di poco sul palo opposto. E’ una presenza interessante quella di Oyono a destra, al 28’ tocco per Rohden che di prima intenzione mette fuori di poco. E’ sempre da una sortita di Oyono al minuto 35’ che il pallone transita tra i piedi di Rohden e quindi tra quelli di Moro che elude nello stretto un avversario ma trova ancora la splendida di Marcianò in angolo. E dalla bandierina il pallone arriva al limite a Boloca, staffilata di destro che si infila imparabilmente alla destra di Marcianò. Un fallo su Rohden non evita che il pallone transiti per Moro e quindi per Kujabi che infila con un gran tiro sotto la traversa alla sinistra di Marcianò. Si apre la difesa dell’Alatri sulla qualità dei giallazzurri, Rohden nella classica posizione di interno destro vede Ciano che accarezza la sfera di destro alle spalle del terzo portiere del Frosinone per l’occasione a difesa dei pali dell’Alatri. Al 37’ Boloca detta per Kujabi, pallone filtrante per Rohden che firma il 7-0. Ed è lo stesso Rohden che di testa, in bello stile, schiaccia di poco fuori un bel cross di Kujabi. C’è tempo per una bella parata di Marcianò al 39’ su Canotto, pallone filtrante di Moro. Canotto che 1’ dopo da posizione invitante alza la mira e al 43’ trova le gambe dei difensori dell’Alatri su un tiro appena dentro l’area di rigore dopo una caracollata a sinistra di Cotali. Il tempo si chiude sul 7-0.

SECONDO TEMPO – In campo al 1’ della ripresa Szyminski per Kalaj, Lulic per Kujabi e Parzyszek al posto di Moro. Ed è proprio il polacco a firmare il gol dell’8-0 dopo una manovra a tre tocchi e piattone dell’attaccante che spiazza Palmisani, subentrato a Marcianò. La novità nello schieramento giallazzurro è la presenza della probabile coppia titolare di centrali di difesa Szyminski-Lucioni. Ancora 5 giri di lancette e il Frosinone fa 9-0 dopo una sgroppata di Oyono a destra, palla ad uscire per Lulic che batte Palmisani alla sua sinistra con una rasoiata a pelo d’erba. C’è spazio per una bella parata a terra di Palmisani su Rohden, lesto a raccogliere da destra un cross tagliato di Cotali. Palmisani che si erge a protagonista di Palmisani prima su Rohden e poi su Canotto praticamente da terra. Al 15’ Grosso manda in campo una squadra praticamente nuova: dentro Vettorel al posto di Turati, in difesa da destra a sinistra Maestrelli, Monterisi, Lucioni e Bracaglia. In mezzo al campo Tribuzzi, Cangianiello e Lulic. In attacco Ciervo e Manzari larghi con Parzyszek centroboa. Al 21’ intanto Tribuzzi elude l’offside e batte Palmisani per il 10-0. Palmisani che si riscatta dicendo no alla conclusione sottomisura da parte di Manzari, con Ciervo e Parzyszek che non trovano l’attimo per l’11-0. Ancora applausi per il baby Palmisani che sul tiro a botta sicura di Parzyszek da 7 metri, metto il pugno sinistro e in controtempo manda in angolo. Ultimi due cambi per Grosso che spedisce in campo a 15’ dal 90’ Selvini e Satariano al posto di Maestrelli e Bracaglia. Ma è ancora il baby Palmisani a dire di no a Parzyszek con una bella respinta a pugni uniti alla mezzora ma 1’ Selvini imbecca il polacco in posizione centrale che stavolta non sbaglia e firma l’11-0. Al 34’ uno-due Parzyszek-Ciervo che aspetta il movimento di Palmisani e lo batte in uscita per il 12-0. Tre giri di lancette, fallo di mano in area dell’Alatri e rigore del 13-0 che Tribuzzi realizza col brivido, pallone che Palmisani sfiora solo con il corpo. Il finale è solo accademia, appuntamento per il 23 luglio con il Bari al ‘Benito Stirpe.

Giovanni Lanzi

 

 

Articoli Recenti