LA CONFERENZA STAMPA DI MISTER NESTA PRE PESCARA-FROSINONE

 In Banner Post, Banner Slider, Prima squadra

FERENTINO – Conferenza stampa con il Media Center del Club per il tecnico Alessandro Nesta alla vigilia dell’ultimo allenamento prima della partenza per Pescara.

Terza partita in otto giorni. Sarà più importante la condizione fisica o la capacità di essere concreti sotto porta per portare a casa un altro successo in trasferta a Pescara?

“Entrambe, questa è la prima volta nella stagione in corso che giochiamo tre partite in 8 giorni. I giocatori non sono ancora abituati al ritmo di impegni così ravvicinati ma qualcuno dovrà pure giocarle. Quanto al discorso relativo agli attaccanti, sono abbastanza tranquillo. Tutte le squadre non hanno omogeneità per una serie di motivi: chi sta meglio, chi peggio, chi proviene da un infortunio, chi è arrivato dopo. All’inizio è un problema di tante squadre, sappiamo bene chi deve lavorare di più e chi meno”.

Alcune delle squadre favorite (Monza, Spal, Brescia e Lecce) stanno faticando. Nei primi 5 posti ci sono 4 delle formazioni che hanno disputato i playoff la stagione scorsa. Che idea si è fatto del campionato dopo questi primi 4 turni?

“Come tutti gli anni, prima che le squadre riescano ad esprimere tutto il loro potenziale trascorre un po’ di tempo. E’ fisiologico. Dobbiamo aspettare qualche settimana ancora prima di vedere la forza di ogni squadra”.

Per Maiello sarebbe la terza gara in otto giorni. Se non dovesse giocare, in quella posizione di campo vede meglio Kastanos, Carraro o Vitale?

“Abbiamo altre soluzioni. Maiello ha corso tanto, ha fatto un buon avvio di campionato, un elemento molto importante per noi. Vediamo se ha recuperato alla fine l’allenamento. E faremo le nostre valutazioni. Carraro prima di venire qui si è allenato dalle sue parti, è chiaramente un po’ indietro nella condizione. Anche Vitale è un’alternativa come lo sono altri giocatori in quel ruolo”.

In difesa è ipotizzabile il rientro di Curado? E ancora: ha chiesto alla società di tornare sul mercato dopo l’infortunio a Baroni?

“La scorsa stagione l’abbiamo giocata con 5 centrocampisti e altrettanti difensori. Vedremo cosa c’è a disposizione. Baroni ha avuto un brutto infortunio però abbiamo tante alternative, ci si è fermato Szyminski ed è un problema per noi però abbiamo Curado, Capuano, Brighenti e Ariaudo. E poi ad esempio anche un quinto come Salvi può fare il terzo di difesa”.

Che effetto le farà incrociare Massimo Oddo? O è ormai diventata un’abitudine sfidare i vecchi compagni?

“E’ sempre un piacere incontrarlo, un ottimo allenatore. Massimo è stato compagno di squadra, un gran bravo ragazzo e debbo dire che noi ci seguiamo sempre. E poi sono curioso di conoscere anche che tipo di calcio propongono quelle persone, poi diventati allenatori, con le quali c’è un rapporto duraturo nel tempo”.

Come ha trovato la squadra dopo il pari con l’Entella?

“Delusa, un po’ arrabbiata nel modo giusto. Tutti hanno avvertito il rammarico di non aver portato a casa la vittoria. Una squadra consapevole che sta accrescendo allo stesso tempo la qualità di gioco, la padronanza del campo, ha imparato a non far uscire l’avversario dalla propria metà campo. Passi in avanti sono stati fatti e sappiamo che dobbiamo compierne altri”.

Come sta Novakovich? È ipotizzabile vedere l’americano in coppia con Parzyszek oppure nel gioco delle coppie lo vede solo con Ciano o Dionisi?

“Può essere una soluzione la coppia Parzyszek-Novakovich che nell’ultima gara aveva male alla caviglia, problemi che si porta dallo scorso campionato e che lo hanno costretto ad uscire nella gara di ritorno con lo Spezia, sommato all’inconveniente agli adduttori che aveva avuto. Novakovich deve lavorare, giocare e crescere perché una struttura fisica come la sua deve prendere i giri”.

In queste partite ha alternato sempre le coppie di attacco, qual è quella che le dà più garanzie al momento per provare a scardinare la difesa del Pescara?

“Non ce ne è una in particolare. Tutti gli attaccanti devono capire l’importanza che assumono quando vengono chiamati in campo. Pochi allenatori possono permettersi di avvicendare due punte al 60’ con altre due dello stesso livello. Abbiamo cinque cambi, quindi c’è la possibilità di modificare e far entrare chi rimane fuori dall’inizio. E dal 70’ in poi ci troviamo a giocare un’altra partita, farlo con due punte fresche è un grande vantaggio. Bisogna solo capire il meccanismo”.

Il Pescara ha un solo punto in classifica e viene dalla pesante sconfitta subita a Venezia. Il Frosinone invece viene da un pareggio con l’Entella, dove ha messo in mostra un bel gioco. Cosa  dirà ai suoi ragazzi nel preparare la partita in modo da evitare cali di tensione o una sottovalutazione del match?

“Quando vai a Pescara non puoi sottovalutare mai. E’ impossibile quando ti trovi di fronte gente come ad esempio Galano e altri. La serie B è talmente livellata che non puoi sottovalutare nessuno. Puoi sbagliare partita perché l’avversario ti sorprende ma farlo perché hai sottovalutato l’avversario è impossibile”.

Articoli Recenti