PRIMAVERA2, IL FROSINONE IN EMERGENZA PIENA A LECCE

 In Breaking News, Prima squadra

Torna in campo – anche se dovrà contare, come vedremo, ben 9 assenti, di cui 7 per infortunio , 1 chiamato in prima squadra e 1 per squalifica – la formazione Primavera del Frosinone, costretta nel turno precedente al secondo stop forzato della seconda parte del campionato. Infatti, dopo il rinvio della gara di Benevento, i giallazzurri non hanno potuto giocare in casa con lo Spezia. Vitalucci & soci partiranno venerdi mattina alla volta di Galatina, in provincia di Lecce, per l’impegno di sabato (ore 11) con i giallorossi salentini che non hanno giocato anche loro sabato scorso in casa del Napoli. In classifica il Lecce è a 23 punti, alle spalle della capolista Pescara. Il Frosinone è a 12 punti, ha vinto le ultime 3 gare e come detto ne deve recuperare 2. Graduatoria comunque molto condizionata dagli innumerevoli recuperi. Le due settimane di lavoro per i ragazzi di Marsella sono comunque corse via seza pausa, tranne i soliti problemi derivanti da assenze per infortunio che sono per ora anello di congiunzione della stagione. Nel penultimo allenamento, prima di quello di rifinitura che si terrà in Puglia nella giornata di venerdi, si è fermato Maugeri per un problema al ginocchio. Della ‘truppa’ agli ordini del tecnico Marsella e del suo vice Crecco non faranno parte anche Santarpia, il difensore centrale Bracaglia (squalificato), Luiso, Santi, Piacentini, Coccia e Morelli e il portiere Trovato aggregato ancora in prima squadra. Portieri a disposizione saranno Palmisani e Vilardi. Un recupero importante è quello di Vecchi, che rientra dopo un mese di assenza.

Il Lecce si presenta a questo appuntamento privo del gioiello Oltremarini (2002), infortunatosi al ginocchio: per lui stagione terminata. Dall’altra parte la squadra di Marsella si aggrappa all’uomo-squadra, quell’Hide Vitalucci che con 6 gol è l’elemento di traino di un gruppo che nell’ultima gara con il Pisa, pur in inferiorità numerica, ha dato prova di grande acime tattico e carattere. E proprio Vitalucci ha risolto il match con un eurogol da oltre 50 metri. A Lecce servirà un gran cuore unitamente alla sagacia tattica che l’undici di Marsella ha saputo mettere in campo anche in piena emergenza.

 

Articoli Recenti