LA CONFERENZA STAMPA DI MISTER NESTA POST FROSINONE-EMPOLI

 In Breaking News, Prima squadra

FROSINONE – Nel post-partita le parole di mister Nesta improntate alla fiducia nonostante la sconfitta casalinga.

Mister Nesta, Empoli cinico e capace di sfruttare le poche occasioni, il Frosinone ha costruito ma è stato impreciso e poco convinto. E’ una giusta lettura della gara?

“Sì, abbiamo creato molto ma non siamo riusciti a concretizzare. A me la squadra è piaciuta, è chiaro che siamo un po’ indietro con la condizione fisica e dobbiamo recuperare qualche giocatore ma i ragazzi hanno dato tutto ed abbiamo pagato le due situazioni a loro favorevoli nella nostra area. Ma nel complesso siamo stati bravi”.

E’ preoccupato dopo questa sconfitta inaspettata o pensa che a Venezia si vedrà un Frosinone diverso da quello di oggi?

“Io vorrei vederlo diverso sotto il profilo del risultato. Ho visto che la squadra che voglio, la squadra che riparte dalla serata di La Spezia. Questa è la squadra giusta”.

Nuovo anno ma difetti vecchi, Frosinone poco cinico in avanti e in difesa regala sempre qualcosa agli avversari. Come lo spiega?

“Siamo ripartiti da poco ma l’atteggiamento è sicuramente diverso”.

Premesso che la campagna acquisti è ancora aperta, il problema del gol pare persistere anche quest’anno visto che non viene finalizzato il gioco svolto. Non crede serva una punta potenzialmente da doppia cifra se si vuole ambire alla promozione?

“Vediamo cosa darà il mercato, bisogna risolvere un po’ di situazioni. C’è stato poco tempo per questa finestra estiva, c’è gente che deve andare via ed allo stesso tempo giocatori che debbono entrare. Siamo nelle stesse condizioni di tutte le squadre. Non è facile, ci sono pochi soldi in giro, c’è poco movimento ma dobbiamo mantenere la calma cercando di fare il massimo e il meglio possibile per potenziare la squadra. Sappiamo cosa ci serve, siamo pienamente concordi con la Società circa le operazioni che vanno fatte”.

Ciano trequartista con i due attaccanti: così in campo il Frosinone si è reso molto più pericoloso rispetto a quanto fatto precedentemente. È una soluzione che si potrà vedere anche da inizio partita?

“Non lo so, bisogna vedere se riusciamo a tenere questo modulo a livello di equilibrio di squadra. Lo scorso anno li abbiamo provati ma ci siamo resi conto che non potevamo tenere quell’assetto. A volte magari a gare in corsa lo facciamo ma va sempre letta la condizione fisica nostra e come si schiera la squadra che abbiamo di fronte”.

Il ‘Benito Stirpe’ sta diventando un problema.  È un caso o magari è dovuto ad un fattore mentale?

“Non credo in questo. Credo invece che col pubblico sarà diverso. E soprattutto speriamo di sfatare questo tabù”.

 

Articoli Recenti