LA CONFERENZA STAMPA DI MISTER GROSSO POST CITTADELLA-FROSINONE

 In Breaking News, Prima squadra

CITTADELLA – A botta calda le parole di mister Grosso che ha analizzato la gara sulle domande dei cronisti.

Mister Grosso, una sconfitta di questo tipo è figlia di quali cause?  Quali gli aspetti che l’hanno più delusa?

“Una partita dalla quale usciamo meritatamente sconfitti. La cosa brutta è che nei momenti di difficoltà lasciamo andare via la partita e questo non va bene. Era una partita che abbiamo approcciato anche bene, nei primi 5’-10’ stavamo nella metà campo loro ed abbiamo creato 2-3 palloni interessanti a destra. Poi al 20’, alla loro prima occasione, prendiamo gol e subito dopo commettiamo una grave ingenuità e incassiamo il secondo. La squadra in quelle circostanze deve rimanere in gara, perché le partite delle volte possono anche cambiare connotati in corsa. E’ stato brutto il terzo gol che abbiamo preso, ha compromesso così la seconda parte del primo tempo perché poi nella ripresa la gara l’abbiamo anche fatta. Sono state create 2-3 occasioni, però tutto era stato già deciso nella prima frazione”.

Vorrei che riuscisse lei a farci capire cosa è successo nel primo tempo. Tre errori enormi, tre gol. Tutta colpa di Barisic?

“No assolutamente. Quelli sono errori individuali clamorosi, capitano e non solo a lui. Dal 20’ al 45’ non siamo stati in gara. Gli avversari hanno comunque fatto meglio di noi in tante cose”.

Tre gol incassati e tre disattenzioni difensive. A posteriori rifarebbe le stesse scelte?

“Dopo un 3-0 domanda abbastanza banale. Una squadra va in campo dal 1’, poi al di là degli interpreti che ci sono, con 5 sostituzioni le partite possono cambiare nella ripresa. Ripeto: in 25’ non puoi concedere 3 gol ad un avversario che in 90′ crea 5 occasioni da gol totali. Ora dobbiamo essere bravi e rimettere dentro le energie e ricaricarci, guardare avanti alla prossima partita nella quale possiamo subito rifare tante cose migliori rispetto a quelle fatte oggi”.

Dopo un primo tempo nel quale Barisic è apparso in evidente difficoltà nel ruolo di terzino, perché non optare per un cambio in difesa magari con l’ingresso di Brighenti?

“A posteriori si possono fare tante valutazioni ma quando un giocatore commette un errore di quel tipo nella mia breve carriera non l’ho mai sostituito. Perché gli errori ci sono e si possono commettere. Era l’atteggiamento della squadra a dover essere migliore”.

Nel secondo tempo non c’è stata alcuna reazione da parte della sua squadra nonostante fosse sotto 3-0, come se lo spiega? Ci spiega la scelta di non fare cambi a inizio secondo tempo nonostante l’ampio svantaggio ma di aspettare il 10’ della ripresa?

“Dieci minuti non penso siano un minutaggio tragico per aspettare. Ho voluto rimettere in campo la squadra che non aveva fatto bene. Comunque nella ripresa siamo andati meglio anche se il risultato poi è rimasto uguale. Siamo entrati in campo con un piglio diverso, non abbiamo creato tante occasioni me nemmeno ne abbiamo subìte. La sconfitta la dobbiamo usare come esperienza, anche se ci è già capitato nel recente passato (3-0 di Perugia, ndr)”.

Charpentier aveva una fasciatura sul ginocchio, non è nulla di grave in vista di mercoledì?

“Nulla di grave, altrimenti non lo avrei messo in campo”.

Ufficio Stampa Frosinone Calcio

Articoli Recenti