PRIMAVERA 1, IL FROSINONE PASSA A CESENA ED E’ CAPOLISTA SOLITARIO

 In Breaking News, Settore Giovanile

CESENA (4-2-3-1): Galassi, David, Lilli, Ferretti, Suliani, Carlini (34’ st Elefante), Pieraccini, Lepri, Spatari, Sette (20’ st Liburdi), Ferrara (1’ st Bernardi).

A disposizione: Veliaj, Rossi, Amadori, Ghinelli, Guidi, Gessaroli, Sartini, Lo Giudice.

Allenatore: Ceccarelli.

FROSINONE (4-2-3-1): Palmisani; Bracaglia, Maura, Maestrelli, Rosati; Bruno (25’ st Pera), Peres; Milazzo, Condello, Cangianiello; Selvini (25’ st Voncina).

A disposizione: Stellato, Di Chiara, Pahic, Stefanelli, Miller, Crecco, Ferrieri, Benacquista, Pozzi, Mulattieri N.

Allenatore: Gorgone.

Arbitro: signor Gabriele Scatena di Avezzano; assistenti sigg. Luca Feraboli di Brescia e Glauco Zanellati di Seregno.

Marcatore: 14’ pt Maestrelli (F).

Note: spettatori: 350 circa; angoli: 8-5 per il Frosinone; ammoniti: 21’ pt e 36’ st Peres (F), 9’ st Bracaglia (F), 15’ st Cangianiello (F), 16’ st Amadori (C), 26’ st Palmisani (F), 32’ st Milazzo (F); espulsi: 36’ st Peres (F), 42’ st Bernardi (C); recuperi:

CESENA – Un colpo di testa imperioso di Maestrelli al 14’ del primo tempo, almeno una decina di palle-gol sfumate per un niente, due legni, supremazia territoriale per un’ora abbondante. E poi tanta ‘garra’ e difesa arcigna, intelligenza tattica e furore agonistico. Il Frosinone vince a Cesena la quinta partita di fila, sale in vetta alla classifica a +2 sulla Juventus che domenica giocherà a Bologna. Un applauso a scena aperta alla truppa di Gorgone.

FROSINONE: VANTAGGIO, PALI, SPETTACOLO E OCCASIONI – Si parte e subito il Frosinone va ad affacciarsi nell’area del Cesena ma il direttore di gara vede un fallo in attacco da parte dei giallazzurri. E’ il Cesena che va al tiro al 2’ con Suliani, pallone deviato in angolo ma la difesa giallazzurra fa buona guardia e rilancia l’offensiva con una partenza a ventaglio di maglie giallazzurre ma il tocco di Peres per Cangianiello è un po’ lungo e l’azione interessante sfuma. Al 5’ tutta in proiezione verticale l’azione partita da Maura, proseguita per Bruno che infila per Selvini ma si chiude bene la difesa dei romagnoli. Che ribattono colpo su colpo ma la difesa davanti a Palmisani si chiude bene su Spatari. Partita subito bella, in barba a qualsiasi esasperazione tattica tra due squadre che hanno numeri differenti ma che giocano già a viso aperto. L’undici di Ceccarelli va al tiro con Suliani all’8’, pallone alle stelle. E’ aggressivo il Cesena, il Frosinone non affretta le giocate, preferisce far girare il pallone alla ricerca di uno spazio utile. Giallazzurri vicini al vantaggio all’11’, la rasoiata di Peres deviata in angolo. E sulla battuta d’angolo, colpo di testa imperioso di Maestrelli per l’accorrente Bracaglia ma la zuccata del terzino si stampa sul palo. E ancora un legno per la squadra di Gorgone 2’ dopo, Selvini lascia sui blocchi la difesa del Cesena altissima, elude l’uscita del portiere e in posizione defilata trova la traversa a dirgli di no. L’azione prosegue tra i piedi di Cangianiello, controllo, finta e tiro a giro, una deviazione concede l’angolo alla squadra ciociara. Dalla bandierina cross impeccabile, sponda e poi colpo di testa sottomisura di Maestrelli che batte Galassi. Frosinone meritatamente avanti e vicinissimo sfiora il 2-0 al 17’: Peres se ne va sulla fascia destra, pallone maligno che supera Galassi e sbatte tra il palo opposto e la gamba di un difensore in maglia bianconera, sotto misura Milazzo non è chirurgico e il portiere del Cesena si ritrova la sfera tra le mani. Si reclama per un presunto fallo in area su Selvini, il direttore di gara fa proseguire. E Peres rimedia un giallo dopo un fallo su Lilli uscito da una mischia a centrocampo. Ma quando spinge il Frosinone è devastante: al 23’ Cangianiello apre per Selvini che se ne va nello spazio, supera Galassi e Lepri al limite dell’area, pallone destinato in gol ma Ferretti salva a porta vuota.

IL FROSINONE NON TROVA IL RADDOPPIO – Il canovaccio della gara è lo stesso: tre tocchi delle maglie giallazzurre e subito ricerca della porta avversaria. Al 27’ Selvini lanciato da Bruno, palla in area per l’accorrente Condello e deviazione provvidenziale di un difensore del Cesena che salva in angolo. Romagnoli affatto remissivi anche se un po’ confusionari quando il Frosinone va a prendere postazione nella metà campo dei padroni di casa. Fioccano le occasioni per l’undici di Gorgone: Peres taglia il campo in verticale, scarico a destra per Condello che controlla e si accentra, botta che si annuncia problematica per Galassi ma ci mette la gamba Lepri e salva. Mezzora abbondante, si gioca dentro la metà campo dei bianconeri ma il parziale è in bilico anche se la formazione di Ceccarelli non è praticamente mai affacciato dalle parti di Palmisani. E allora è Condello che cerca gloria con un gran tiro da destra, pallone alto di poco sulla traversa. Porta del Cesena ancora stregata: al 40’ angolo per il Frosinone, Maestrelli non ci arriva per un soffio di testa, al limite c’è Cangianiello che trova lo spazio con un fendente di destro ma non fa i conti con la deviazione sulla linea di porta di Lepri. A 2’ dal 45’ asse Sparati-Carlini, pallone altissimo sulla traversa. Ma il Cesena anche se rintanato nella propria metà campo per larghissimi tratti del primo tempo, si fa pericoloso. Il tempo si chiude esattamente al 45’, Frosinone avanti di un gol. E Cesena graziato a ripetizione ma ancora dentro la partita.

CESENA PIU’ DECISO, FROSINONE SEMPRE PERICOLOSO – Si ricomincia con la squadra di casa che spinge con maggiore decisione ma difetta ancora in precisione, il Frosinone per ora gestisce con attenzione le fasi iniziali un po’ convulse. Al 7’ Palmisani agguanta il primo pallone della sua partita, un diagonale da destra di Suliani abbastanza telefonato per creare problemi. I romagnoli non fanno uscire dalla loro metà campo la squadra di Gorgone, la partita è cambiata. E Pieraccini al 10’ di testa fallisce il gol del pari su imbucata da destra di Carlini. Mette la testa fuori la squadra ciociara all’11’, prima è Cangianiello che crea qualche problema alla difesa di casa, poi è Bruno che se ne va sulla linea di fondo ma il filtrante per Selvini è deviato in angolo. Palmisani attento al 13’, un pallone che passa tra le gambe di avversari e compagni, lui agguanta a terra. E il Frosinone riprende la sarabanda di palle-gol, Selvini dal limite di destro va a sfruttare una ingenuità dei bianconeri in costruzione, pallone che accarezza l’incrocio alla sinistra di Galassi. La partita si scalda, Cangianiello è il terzo giallazzurro a finire tra gli ammoniti dopo Peres e Bracaglia. Il Cesena reclama un rigore ma c’è il fallo di Amadori che becca anche un giallo. Galassi sale sulla scena al 18 e va a salvare su Condello che si era infilato a destra.  Ma la sfida è sempre bella ed emozionante. In mezzo al campo succede un po’ di tutto, gambe o palla in un paio di situazioni, ma per l’arbitro Scatena è tutto regolare.

LOTTA SENZA QUARTIERE, SQUADRE IN 10, I LEONI ALZANO IL MURO – Dentro Voncina e Pera nel Frosinone al 25’ per Selvini e Bruno. Si accende una mischia in area del Frosinone, si scaldano gli animi, Palmisani eccede e spinge un avversario che cade a terra: giallo anche per lui. Si combatte sul campo. E il Cesena del primo tempo non c’è, di fronte al Frosinone una squadra che lotta su ogni pallone. E il Frosinone che continua a fallire gol fatti, al 32’ tocca a Voncina che lascia sul posto l’avversario, cerca il pallonetto che va fuori misura. Poi bravissimo Palmisani a deviare in angolo su Bernardi, pallone maligno. Al 35’ il direttore di gara manda sotto la doccia Peres per doppio giallo dopo un tocco sull’eclettico Bernardi, Frosinone in 10. E adesso il Frosinone soffre dopo aver sprecato almeno dieci palle-gol. E Il Cesena va a testa bassa. Sale sulla scena Palmisani con calma spazza un pallone dal traffico e poi va a bloccare la sfera con sicurezza 30” dopo. Ma salgono tutti i 10 giallazzurri in campo, bravi a serrare le fila in un finale di gara impensabile dopo 45’ condotti alla garibaldina. Si accende una mischia, il cesenate Bernardi tocca e manda a terra Maestrelli e viene espulso. Squadre in parità numerica. E mischie senza soluzione di continuità che favoriscono il Frosinone che si difende con le unghie e i denti. Al 90’ magia di Selvini in area, pallone fuori. Nel recupero i giallazzurri non scelgono la gestione della palla ma la soluzione anche ad effetto. E allora il Cesena quando può si catapulta nel cuore della difesa del Frosinone che tiene bene fino al triplice fischio finale che cade al 96’. Quinto successo di fila dei giallazzurri che per una notte si insediano al primo posto, in attesa di Bologna-Juve di domenica.

Ufficio Stampa Frosinone Calcio

Foto gentilmente concesse da Luigi Rega – Cesena FC

Articoli Recenti