PRIMAVERA 2, FROSINONE SPRECA TROPPO E PERUGIA RINGRAZIA (2-2)

 In Breaking News, Settore Giovanile

FROSINONE (4-3-1-2): Vilardi; Evan, Bracaglia, Kremenovic, Rosati (38’ st Pahic); Peres, Bruno (33’ st Di Palma), Cangianiello; Favale (17’ st Milazzo); Stampete, Selvini (17’ st Jirillo).

A disposizione: Stellato, Benacquista, Battisti, Bianchi, Recchiuti, Scognamiglio, Pittaccio.

Allenatore: Gorgone.

PERUGIA: Moro, Karamanis, Grassi, Fabri, Cicioni (9’ st Dieje), Baldi, Karamanis (38’ st Boli), Giunti (9’ st Mussi), Seghetti, Citarella (38’ st Menci), Morina (23’ st Sulejmani).

A disposizione: Andrin, Del Prete, Elefante, Lo Giudice, Paladino, Capogna, Antognoni.

Allenatore: Formisano.

Arbitro: sig. Mattia Pascarella di Nocera Inferiore (Sa); assistenti: sigg. Marco Croce di Nocera Inferiore e Antonio Aletta di Avellino.

Marcatori: 36’ pt e 10’ st Bracaglia (F), 38’ pt Citarella (P), 2’ st Fabri (P, rig).

Note: spettatori: 100 circa; angoli: 13-4 per il Frosinone; ammoniti: Bruno (F), Cicioni (P), 37’ st Kremenovic (F), 46’ st Grassi (P), 49’ st Milazzo (F); recuperi: 2’ pt; 4’ st.

FERENTINO (FR) – Il Frosinone gioca, il Perugia si riporta a casa un pareggio insperato (2-2). Alla fine di 96’ combattuti, i giallazzurri non vanno oltre il 2-2 e se da una parte debbono imprecare per la sfilza di palle-gol sprecate dagli attaccanti non proprio in grande spolvero, dall’altra debbono ringraziare la vena realizzativa del difensore centrale Bracaglia, autore di una doppietta. Dubbi in occasione di un tocco in area su Stampete nel primo tempo ed ancora più dubbi sul rigore concesso agli umbri in avvio di ripresa. Annullata anche una rete a Bruno nel secondi 45′ sul 2-2. In classifica, col Cesena che sarà di scena domenica nel posticipo, la squadra di Gorgone non riesce ad accorciare le distanze dalla Lazio bloccata sul 2-2 a Benevento.

BOTTA E RISPOSTA NEL GIRO DI 2’ – Il Frosinone si presenta all’appuntamento senza Giordani (infortunato), Maestrelli e Palmisani (convocati con la prima squadra). Gorgone schiera Vilardi tra i pali, al centro della difesa torna Kremenovic al fianco di Bracaglia, l’altra novità sulla corsia bassa di sinistra dove gioca Rosati mentre a destra c’è la conferma di Evan. In mezzo al campo Bruno è il regista basso, Cangianiello e Peres le mezze ali, quindi Favale alle spalle della coppia Stampete-Selvini, 29 gol in due.

Pronti e via e per i giallazzurri inizia la sarabanda di occasioni. Al 3’ angolo di Bruno, Selvini di testa alza la mira. Il Perugia è una buona squadra, ben raccolta e che appena vede un varco ci si catapulta dentro. Il Frosinone non si fa prendere dalla fretta, giropalla costante e un Evan a destra che è una spina nel fianco degli umbri. Al 20’ lancio di Rosati per lo stesso Evan, Moro esce e lo anticipa. Al 23’ Cangianiello alza i giri a sinistra, Stampete solo spara a lato. Lo stesso Cangianiello si ripete al 26’, cross per Selvini che spedisce alto. Al 35’ episodio dubbio in area umbra, Baldi spinge alle spalle Stampete ma per il direttore di gara è tutto regolare. Il gol è però maturo: al 36′ va dalla bandierina Bruno, colpo di testa perentorio di Bracaglia, pallone sotto la traversa e poi oltre la linea. Il direttore di gara non ci pensa sopra e assegna il gol, il Perugia nemmeno protesta. A quel punto il Frosinone non fa i conti con il black-out, Seghetti 2’ dopo se ne va a sinistra, cross che trova tutti impreparati tranne il compagno di squadra Citarella che insacca il pareggio. Il Frosinone accusa il colpo, il tempo scorre via fino al riposo senza ulteriori emozioni tranne un tiro al 42’ di Bruno su un filtrante di Stampete, pallone fuori di poco.

PERUGIA AVANTI SU RIGORE, BRACAGLIA LO RIPRENDE – Il Frosinone non parte con il piede giusto. Al 46’ miracolo di Vilardi su Seghetti, 1’ dopo è lo stesso Seghetti che viene atterrato in area da Bruno per il direttore di gara è calcio di rigore che Fabri realizza con il ‘cucchiaio’, portando il Perugia avanti 2-1. Al 5’ la difesa del Frosinone si prende qualche licenza sull’attacco di Seghetti, alla fine tra Bracaglia e Vilardi evitano l’irreparabile. Cangianiello cerca di dare la scossa e all’8’ conquista una punizione, si incarica del tiro Favale, Bracaglia è sulla traiettoria e firma la doppietta. Il Frosinone la riprende al 10’ della ripresa. Giallazzurri in fiducia, ancora uno strepitoso Cangianiello che apre in area per Stampete, sinistro repentino che il portiere del Perugia devia in angolo ma per l’assistente il pallone era già oltre la linea. Angolo per il Frosinone al 14’, buco del portiere e Mussi ci mette una pezza deviando in angolo. Azione avvolgente della squadra di Gorgone al 15’, Bruno serve Selvini che all’altezza del dischetto manda incredibilmente alto di un soffio. Gorgone cambia pedine e assetto: dentro Jirillo per Selvini e Milazzo per Favale che non era in condizioni ottimali alla vigilia. Fioccano gli angoli per i giallazzurri, il numero 11 costringe ad una uscita volante, poi Milazzo spara sulla selva di gambe dentro l’area di rigore. Si mette in solitario Bracaglia, prende campo e dai 25 metri tira in porta, pallone un metro alto. Adesso è un Frosinone che lascia le briciole al Perugia. Ancora da palla inattiva un pericolo per la porta del Perugia, sulla respinta corta della difesa umbra c’è il tiro di Cangianiello, pallone a lato. Tenta la gloria anche Stampete, colpo di testa su azione dalla bandierina, para a terra Moro. Al 24’ annullato un gol al Frosinone, azione che parte da Evan che tocca per Bruno, pallone alle spalle di Moro ma per l’assistente è offside di Evan sulla partenza.

OCCASIONI MA IL MURO DEL PERUGIA TIENE – Pressione costante del Frosinone, al 26’ azione travolgente di Stampete a destra ma nessuno raccoglie al centro e il Perugia respira. La formazione umbra rialza il baricentro ma al 34’ arriva un miracolo del portiere Moro su Di Palma che poi non trova la porta dopo la respinta, dopo un’azione travolgente di Evan a destra. Frosinone ancora vicino al vantaggio, porta del Perugia stregata. Adesso la partita si fa bollente, per poco Moro e Seghetti non entrano in rotta di collisione sulla percussione di Stampete che non riesce ad aggirare i due avversari. Di Palma ad un passo dal gol al 39’ dopo l’ennesima azione travolgente di Evan innescato da Jirillo sull’out di destra ma il neo entrato gigioneggia troppo con il pallone tra i piedi a due passi da Moro e l’azione sfuma. E’ un assedio quello della squadra di Gorgone anche se un po’ di stanchezza affiora nelle gambe dei giallazzurri che hanno condotto almeno trequarti di gara da dominatori, pagando due blackout in occasioni delle reti degli umbri. Quattro i minuti di extra-time ma il Frosinone deve accontentarsi di un pari che non permette di accorciare le distanze dalla Lazio, fermata sul 2-2 a Benevento.

Ufficio Stampa Frosinone Calcio

Articoli Recenti